giovedì 31 dicembre 2020

LEALTA', ONORE E DILIGENZA: I DOVERI DELL'AVVOCATO NELL'ESEMPIO DI FULVIO CROCE

 ❌Iscrizioni aperte❌

Inaugurazione del 2° Corso della Scuola Territoriale della Camera Penale di Trapani

Trapani | 15 gennaio 2021 | ore 15.30

Webinair aperto a tutto il Foro | Piattaforma Zoom [max 500 partecipanti, previa pre-iscrizione al link www.iltuowebinar.it/15gennaio]




Saluti
Avv. Marco Siragusa
Presidente Camera Penale di Trapani
Avv. Vito Galluffo
Presidente COA Trapani
Dott. Andrea Genna
Presidente Tribunale di Trapani

Proiezione del documentario edito da La Stampa
L’AVVOCATO FULVIO CROCE

Modera
Avv. Salvatore Galluffo
Responsabile Comitato di gestione della Scuola Territoriale

Relatori
  • Avv. Federico Ferina | già consigliere CNF, autore del libro Compendio di deontologia e ordinamento forense.
  • Dott.ssa Daniela Troja | Presidente della Sezione penale Tribunale di Trapani - La deontologia nei rapporti tra avvocati e magistrati
  • Avv. Domenico Battista | Foro di Roma, già Segretario UCPI Mio padre era fascista: la difesa dei terroristi rossi.

Conclusioni
Avv. Gian Domenico Caiazza | Presidente Unione Camere Penali Italiane


La partecipazione dà diritto a 4 crediti in materia di deontologia, giusta convenzione Coa Trapani dell’8.9.2016.

lunedì 14 dicembre 2020

La protesta dei Magistrati onorari. Il Documento del Direttivo

Il Direttivo della Camera Penale di Trapani, manifesta la propria vicinanza e solidarietà ai colleghi che svolgono le funzioni di magistrati onorari nei giorni della loro protesta diffusa sul territorio nazionale.
Il Direttivo denuncia che la gran parte degli affari penali sono trattati dai magistrati onorari con competenza e professionalità. Tuttavia i magistrati onorari sono retribuiti 98 euro lordi ad udienza (udienza che spesso dura oltre 4 ore); non hanno alcuna tutela previdenziale e assistenziale e così, per fare qualche esempio, non hanno diritto alla “malattia” e alla maternità.
Lo Stato quindi amministra la giustizia a cottimo, pagando poco e male i suoi cittadini laureati che prestano la funzione di magistrato onorario; cittadini senza i quali, sia detto con chiarezza, la giustizia non potrebbe essere amministrata.
Noi riteniamo sia giunto il tempo di una misura straordinaria come quella voluta da Togliatti, che stabilizzò i magistrati onorari prevedendone la definitiva collocazione in pianta organica.
Ci chiediamo, retoricamente, quale corrente si opponga ad una simile, giusta, soluzione.
E ci chiediamo quale potere costituito e geloso dello status quo induca il Ministro di Giustizia a rispondere così ad un’interpellanza parlamentare: l’esistenza del magistrati onorari “è legata alla finalità di contenere il numero dei togati, pena la perdita di prestigio e la riduzione delle retribuzioni della magistratura professionale”.
Apprendiamo che alla manifestazione romana, hanno partecipato magistrati con ruoli di rilievo nell’Anm.
Vorremmo aprire un dibattito con la magistratura togata ...
L’articolo del Corriere della sera al 👉 link


martedì 1 dicembre 2020

Due mesi di Foro e Giurisprudenza, il blog giuridico della Camera Penale di Trapani

Secondo mese di Foro e Giurisprudenza oltre 26.000 contatti sul blog giuridico della Camera Penale di Trapani (link su questo sito oppure cliccando qui 👉 F&GCpTP).

Pubblichiamo l'elenco dei dieci contributi più letti nel mese di novembre con i link di collegamento. 

Foro e Giurisprudenza - Camera Penale di Trapani




  1. "Cara politica ti scrivo": otto domande a Marco Siragusa, Presidente della Camera Penale di Trapani - di Daniele Livreri (*)
  2. Deposito atti, documenti e istanze a mezzo pec (art. 24 co. 4 D.L. 137/2020): le specifiche tecniche e gli indirizzi pec
  3. PDP - Manuale del Portale dei Depositi Penali
  4. Covid e carcere: le novità del decreto legge Ristori - di Nicola Galati
  5. L'istanza della vergogna: come chiedere la discussione orale dell'appello secondo le "regole" del decreto legge Ristori bis
  6. Parte civile e procura speciale: la riapparizione della parte civile. La Corte d'appello di Palermo mette ordine ai formalismi non richiesti dal codice
  7. L'appello penale pandemico: poche norme stravolgono il codice di rito
  8. In un tempo difficile, il nostro ricordo di Ettore Randazzo con il suo scritto "Agli Avvocati di ogni età, perché ci credano, anche sognando un po’. Nonostante tutto"
  9. Notifiche pec irregolari: la Cassazione fissa nuovi oneri a carico del difensore. Quando l'errore dell'amministrazione riverbera sul privato
  10. Funzione nomofilattica e funzione nomopoietica: una colta e accurata lettura critica della sentenza Bajrami - di Nicola Russo

La situazione politica giudiziaria: il punto con Marco Siragusa, presidente della Camera Penale di Trapani

Video al 👉 link



lunedì 30 novembre 2020

Convegno/Webinar 18 dicembre 2020 ore 15 - La giurisprudenza CEDU in materia penale: effetti e strumenti nell'ordinamento italiano

I Webinar di Camera penale di Trapani.
Venerdì 18 dicembre 2020, alle 15:00 sulla piattaforma ZOOM affronteremo "La giurisprudenza CEDU in materia penale: effetti e strumenti nell'ordinamento italiano".
L'evento è limitato alla partecipazione di 200 iscritti previa prenotazione al link 👉 form d'iscrizioneIn caso di eccedenza sarà data prelazione ai soci di Camera penale di Trapani (l'evento sarà comunque registrato e trasmesso in differita sul canale YouTube della Camera Penale di Trapani).




lunedì 23 novembre 2020

EMERGENZA COVID-19: le nuove disposizioni del Presidente del Tribunale di Trapani

Pubblichiamo il nuovo decreto (n. 133/2020) del Presidente del Tribunale di Trapani con le raccomandazioni e istruzioni operative che disciplinano le attività del Tribunale di Trapani (udienze e cancellerie).

Invitiamo tutti i Colleghi ad attenersi alle indicazioni e a segnalare eventuali disfunzioni anche al fine di migliorare e/o integrare le disposizioni di cui al decreto.

Scarica qui il decreto presidenziale n. 133/2020

martedì 10 novembre 2020

"Cara politica ti scrivo": otto domande a Marco Siragusa, Presidente della Camera Penale di Trapani - di Daniele Livreri (*)

Proseguiamo con la rubrica <<Caro ...  ti scrivo, così mi distraggo un po'>> e, a poco più di un mese dalla sua elezione a Presidente della Camera Penale di Trapani, ci pare opportuno confrontarci con l’avvocato Marco Siragusa su alcuni temi che riguardano l’avvocatura, soprattutto quella processualpenalistica.
Lo faremo con otto domande poste dal responsabile del sito Foro e Giurisprudenzaavvocato Daniele Livreri.

nella foto, Marco Siragusa
 


1. Mi pare inevitabile prendere spunto dalla legislazione correlata all’emergenza Covid. Marco, ravvedi nella legislazione emergenziale più un’occasione di ammodernamento del pianeta giustizia o un rischio per le garanzie difensive?

Sono un’ottimista e nelle difficoltà intravedo le occasioni. Ma la pandemia e il “blocco” del sistema Paese, che si “muoveva” ancora secondo logiche del passato, impongono scelte coraggiose delle quali non sempre siamo capaci, perché siamo troppo preoccupati a difendere le rendite di posizione. Alcune riforme del legislatore emergenziale sembrano omettere il confronto con la realtà e vanno nella direzione sbagliata, quando invece esistono soluzioni semplici e di buon senso immediatamente applicabili. Giustamente l’Avvocatura pone un problema vecchio e nuovo al tempo stesso: troppe volte, nel passato, con la scusa dell’eccezionalità del momento, norme temporanee sono diventate regole stabili. Penso alla legislazione degli anni di piombo e alle modifiche al codice di procedura successive agli anni delle stragi mafiose: sono regole che ancora oggi ci portiamo contraddittoriamente dietro e che hanno ridotto le garanzie per tutti.

2. Vorrei provare a entrare un po’ nel dettaglio: non ti pare censurabile che il d.l. 137 c.d. Ristori renda sacrificabile la pubblicità del processo senza che vengano offerti dei criteri al giudice, per contemperare il diritto alla salute  con quello che la Corte costituzionale ha definito, in plurime occasioni, un «principio connaturato ad un ordinamento democratico fondato sulla sovranità popolare>>?

Ecco il punto! Questa norma è un’inaccettabile soluzione burocratica a un problema reale. La pubblicità del processo fonda l’essenza della funzione giudicante, esercitata in nome del popolo sovrano. Tenere fuori dal “tempio della giustizia” il mandante della funzione, è inaccettabile. Purtroppo registriamo altre “fughe in avanti” nel senso della visione burocratica del processo. Penso ad esempio al decreto legge che entra in vigore in queste ore, il n. 149/2020 (Ristori bis), che cartolarizza l’appello e ribalta sul cittadino (presunto innocente e/o privato cautelarmente della libertà) il rischio di contagio che lo Stato dovrebbe essere in grado di contemperare con i diritti fondamentali in gioco: salute, libertà e difesa in un tempo ragionevole e in condizioni eque. Dovremo chiedere la discussione orale dell’udienza di appello e sarà "regolare" la camera di consiglio virtuale. Credo che nella storia del Paese non si sia mai visto un concentrato di norme più insulse...

3. Ti pare che l’ultimo decreto legge concretizzi il pericolo di un allontanamento definitivo dall’aula delle persone a qualsivoglia titolo private della libertà personale? 

E’ la conseguenza di quel che dicevo. Il fascino della pixelizzazione del processo e dell’imputato può apparire seducente a qualche burocrate pieno della sua autorità costituita, ma segnerebbe la fine del patto democratico e, non vorrei esagerare, della pax sociale. 

4. Gli atti istruttori non sono remotizzabili neppure col consenso delle parti. Secondo alcuni magistrati è una norma incomprensibile, di cui gli avvocati per primi, incisi nella loro facoltà di scelta, dovrebbero lamentarsi. Che ne pensi?

I diritti non sempre sono disponibili. La vita e la libertà non appartengono alla gamma dei diritti dei quali il cittadino può liberamente disporre secondo un’idea che vede nella riserva statale la quota alla quale fissare la tutela del diritto inviolabile. In questo senso il consenso all’istruttoria remotizzata non appartiene alla libera disponibilità delle parti e si colloca nell’area della sanzione di inutilizzabilità, non gestibile neppure con il consenso dell’avente diritto.

5. Ma perché la parte può acconsentire ad un giudizio abbreviato e non ad uno da remoto?

La domanda è suggestiva, ma temo rischi di ingenerare equivoci. Il consenso all’abbreviato, cioè la rinuncia al modello di processo costituzionale previsto dall’art. 111 della Costituzione, non è una vera e propria rinuncia (e la deroga è prevista dalla Costituzione). È piuttosto un accordo sulle regole di accertamento del fatto che, come si dice tradizionalmente, si chiede allo stato degli atti e con alcuni benefici in caso di sanzione. Si rinuncia all’assunzione della prova e si consente a trasformare in prova la fonte di prova. Ma l’assunzione della prova rimane, sempre, in area di indisponibilità e deve avvenire secondo le regole costituzionali. Non a caso è stato fervente il dibattito giurisprudenziale sulla rinnovazione in appello, soprattutto con riferimento al giudizio abbreviato e alla riforma migliorativa della decisione di primo grado. Mi pare che la triade di sentenze a Sezioni Unite (DasguptaPatalano e Troise) abbiano definitivamente chiarito come l’assunzione della prova - che risponde ad esigenze di garanzia, completezza e piena cognizione - debba avvenire nel rispetto del parametro costituzionale della presunzione di non colpevolezza. Faccio un esempio: come la confessione di un reato non è utilizzabile senza il rispetto  dei presupposti di acquisizione, così la modalità di assunzione della prova deve avvenire secondo regole legali che non sono rimesse alla disponibilità delle parti. Queste possono solo concordare sul risultato, ma non sulle modalità che sono poste a presidio del processo e, in definitiva, del suo protagonista: l’imputato.

6. Vorrei insistere, se colgo bene tu ritieni non accostabile la rinuncia al contraddittorio per la formazione della prova, tipica dell’abbreviato, al consenso all’utilizzo di un mezzo che inciderebbe, viziandola, sulla stessa formazione della prova? 

E’ così. Mi pare siano due situazioni diverse e non assimilabili. Un conto è la rinuncia al diritto alla prova che è una facoltà disponibile, altro è consentire alle modalità di formazione secondo regole che non sono conformi ai principi costituzionali che ci siamo dati. Si consideri peraltro che nell’abbreviato sono previsti meccanismi compensativi per l’ipotesi di condanna (sconti sulla pena), che nelle recenti sperimentazioni emergenziali non ricorrono. Insomma, non si tratta di situazioni analoghe e paragonabili.

7. Proviamo a cambiare argomento. E’ trascorso poco più di un anno dalle SS.UU. “Bajrami”, che hanno riformato il principio di immutabilità del giudice, ti pare che in questo periodo sul fronte giurisprudenziale la difesa sia stata sotto assedio?

Non ne farei un fatto di ideologica contrapposizione o di rivendicazione “sindacale”. La Bajrami è una sentenza colta, ben scritta ma che reca in sé un insanabile viziostravolge il principio di legalità e la soggezione del giudice alla legge. Neppure la Corte Costituzionale (sentenza 132/2019) era arrivata al punto  di interpolare l’art. 525 c.p.p., espressamente segnalando come la materia appartenesse alla riserva del Legislatore. Questo, al fondo, mi pare il punto della questione: il formante giurisprudenziale potrà bene essere fonte del diritto, parificata alla legge nella gerarchia delle fonti, ma ciò potrà avvenire ad una sola condizione: quando la giurisdizione trarrà la sua legittimazione dall’investitura del popolo sovrano, cioè quando i giudici saranno eletti da chi esercita la sovranità popolare. Fino ad allora rimarranno gli equilibri costituzionali del giudice soggetto alla legge. Ogni diversa soluzione rischia di attentare agli equilibri costituzionali.

8. Da poco più di un mese sei Presidente della Camera Penale di Trapani, quale ritieni sia il ruolo della avvocatura soprattutto quella associata? 

In una sola parola: consapevolezza. Consapevolezza del ruolo e della funzione sociale dell’Avvocato. Proprio in un momento difficile come questo è la quota dei nostri  obiettivi. E dobbiamo farlo con l’unico strumento che conosciamo: la serietà delle nostre posizioni. Abbiamo idee, capacità di ascolto e di proposta e non siamo interessati alle rivendicazioni sindacali ma alla difesa dei diritti dei cittadini; diritti dei quali siamo presidio. Siamo parte della giurisdizione. Quanto prima se ne prenderà atto, tanto prima cesseranno queste visioni proprietarie della giustizia e del palazzo di giustizia, che tanti danni hanno fatto.



(*) Responsabile del blog Foro e Giurisprudenza (link). Auspichiamo che sugli argomenti trattati in questa intervista si voglia aprire un confronto con voci provenienti dalla Magistratura, che saremo lieti di ospitare.


nella foto, Daniele Livreri



domenica 8 novembre 2020

I processi che avete in mente, fateveli da soli! Note a margine della bozza del decreto legge Ristori bis


È ora di dire basta!

È ora di usare parole chiare!

I processi che avete in mente, fateveli da soli! Non in nome del popolo italiano, lasciato fuori dai tribunali. Ma in nome della vostra melensa autoreferenzialità.

L’Avvocatura non è più disponibile a sopportare queste provocazioni indegne di uno Stato di diritto.

I cittadini non ne possono più della casta di San Paganino.

I contribuenti autonomi non sono più disposti a mantenere i privilegi della sicurezza economica.

Voi, burocrati del niente!

Diciamo a voi, che ammorbate i ministeri, che pensate nel sicuro dei vostri stipendi, nell’agiatezza della vostra vita di dipendenti pubblici: ora basta!

Mentre scriviamo, qualcuno di voi, suggerisce al peggior Governo della storia repubblicana norme  incostituzionali e inaccettabili, che mortificano l’abc delle regole processuali.

Ne siamo a conoscenza: girano bozze prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale per vedere l’effetto che fa.

Ve lo diciamo l’effetto che fa:

- processi penali per iscritto nei quali si deve chiedere (con ossequio?) di discutere la causa (e tralasciamo per carità di patria l’errore sui termini);

- Cittadini presunti innocenti costretti a rimanere privati della libertà senza tempo e imputati a vita perché ... c’è il Covid, e la sciatteria di chi governa è stata incapace - lo è stata in questi mesi - di trovare soluzioni o di accogliere quelle, semplici e di buon senso, che vi abbiamo donato con animo generoso.

Voi burocrati siete la degna rappresentazione di uno Stato ormai al fallimento.

Uno Stato incapace di scrivere norme chiare, che abbiano un senso (Cesare Beccaria aveva avvisato dei rischi di un sovrano che emana editti e leggi incomprensibili e pompose).

Uno Stato che dimentica il sudore e la fatica del lavoro; le notti insonni nel tormento della difesa; che dimentica come l’essenza del processo penale sia creare un luogo di regole a garanzia del cittadino imputato e presunto innocente. Il processo non è statistica; è carne e sudore; è umanità e clemenza; è serenità e capacità di ascolto.

Siete o no consapevoli che non possiamo permetterci tutto? Non possiamo permetterci: il panpenalismo e la (finta) obbligatorietà dell’azione penale? Il Covid e le statistiche!

Sarebbe ora di portare i libri in tribunale: l’amnistia è l’unica soluzione!

Ora basta!

Se vedranno la luce le norme che immaginate, il processo, da domani, lo farete da soli.

Ma certamente non in nome del popolo italiano!

Noi ci attrezzeremo con le armi delle quali disponiamo: idee e diritto. Le uniche cose che hanno - parafrasando Paolo Borsellino -  “il fresco profumo della libertà” anziché il puzzo del “compromesso burocratico”.

Trapani, 8 novembre 2020

Il Direttivo della Camera Penale di Trapani


Scarica il documento del Direttivo al 👉 link


sabato 7 novembre 2020

Webinar 26 novembre 2020 ore 15:30 su ZOOM

I Webinar di Camera penale di Trapani.
Giovedì 26 novembre 2020, alle 15:30 sulla piattaforma ZOOM affronteremo "Il Caso Patrick Zaky e la Convenzione Europea dei diritti dell'uomo".
L'evento è limitato alla partecipazione di 100 iscritti previa prenotazione al link 👉 form d'iscrizioneIn caso di eccedenza sarà data prelazione ai soci di Camera penale di Trapani (l'evento sarà comunque registrato e trasmesso in differita sul canale YouTube della Camera Penale di Trapani).




sabato 24 ottobre 2020

Foro e Giurisprudenza: Caro Ministro ti scrivo ... così mi distraggo un p...

Con la rubrica “ Caro Ministro ti scrivo ” -  sei domande a Gian Domenico  Caiazza , Presidente dell'Unione delle Camere Penali Italiane sei domande a Gian Domenico Caiazza, Presidente dell'Unione delle Camere Penali Italiane - inauguriamo la sezione "Foro" del sito Foro e Giurisprudenza della Camera Penale di Trapani.
Prossimamente seguiranno altre pubblicazioni della sezione Foro del blog ("Caro Giudice ti scrivo", "Caro PM ti scrivo", "Caro Avvocato ti scrivo", "Caro Collega ti scrivo", "Caro Cancelliere ti scrivo").


sabato 17 ottobre 2020

La gogna giudiziaria


Ancora tu...ma non dovevamo vederci più?


Ancora tu?”: la velina che viola la riservatezza delle informazioni giudiziarie e veicola alla stampa una notizia prima che la sappiano i legittimi destinatari, indagato e difensore.
Ma non dovevamo vederci più”?: così ci eravamo detti pochi mesi fa quando si erano spettacolarizzati gli arresti, con gli indagati mostrati al pubblico ludibrio nel momento della restrizione (Link al documento → Il Rispetto della dignità umana) o quando si era canalizzata alla stampa una notizia falsa (Link al documento →Quando il giornalismo diventa macchina del fango).
Ancora tu, non mi sorprende, lo sai?”: il gioco è vecchio e ormai noto a tutti: creare consenso su un’indagine, condizionare l’opinione pubblica e il giudice naturale, accrescere la visibilità di chi, in violazione della legge, rivela la notizia.
Sei ancora tu, l'incorreggibile” frenesia di cercare la ribalta mediatica anziché la serietà silenziosa del lavoro quotidiano.
A noi non ci scappa da ridere”, perché tuteliamo i diritti del cittadino tritato dalla gogna mediatica. E ti diciamo, una volta per tutte: “basta! Basta così, che non ci scappa da ridere”

Il Direttivo della Camera Penale di Trapani 

Scarica il documento del direttivo al linkLa gogna giudiziaria

venerdì 9 ottobre 2020

Dell'ipocrisia (intorno al caso Palamara)


Luca Palamara
, già Presidente dell’ANM e Consigliere del CSM è stato “rimosso dall’ordine giudiziario”.

La vicenda è nota ai più e divenne nota lo scorso anno quando, a mezzo stampa, vennero pubblicate le intercettazioni di un incontro presso un hotel romano. Tema dell’incontro: la nomina dei procuratori di Roma e Perugia. Partecipanti: Palamara e altri consiglieri del CSM oltre ai politici Lotti e Ferri.

Non vogliamo riflettere sul merito della vicenda: lo faremo, come si dice, frigido patacoque animo.
Vogliamo tirarci fuori da questo gioco ipocrita che individua nel solo Palamara l’origine di tutti i mali. Il “sistema Palamara” era noto a tutti e da anni era denunciato dai penalisti italiani. Esso “vive e lotta” ancora in mezzo a noi. Il sistema ha semplicemente visto in Palamara il più bravo tra tutti a fungere da camera di compensazione di istanze, ambizioni e aspettative di molti, moltissimi magistrati. Sia chiaro: tutti preparati, perbene e legittimati a chiedere il riconoscimento al quale ambivano, ma che hanno trovato, ieri in Palamara e domani in chissà chi, il soggetto capace di assecondare le loro legittime aspirazioni.
Non intendiamo dunque infierire sull’uomo Palamara: ha sbagliato, è certo; ma ha diritto ad un nuovo inizio senza subire la gogna dei finti moralisti che puntano l’indice contro di lui, dopo aver utilizzato quell’indice per scrivergli messaggi whatsapp.
Vogliamo, invece, riflettere su due parole e sul loro significato etimologico: rimosso dall’ordine.
Rimosso: allontanato dalla sua carica per punizione. Insomma, cacciato ma non solo, poiché il pensiero corre all’aggettivo utilizzato in psicoanalisi (un ricordo rimosso, ad esempio). 
Ordine giudiziario: un ordine, un potere dello Stato, “amministrato” da un organo costituzionale a nomina parzialmente politica (1/3) e per la rimanenza a nomina degli stessi “amministrati”. Solo gli sciocchi e gli ipocriti si stupirebbero di apprendere che, in quella sede, si media. E solo costoro proverebbero finto stupore nell’apprendere che un posto ministeriale, qual è quello di Procuratore di Roma, non sia, giustamente diciamo noi, oggetto di mediazione politica.
Ma il punto è un altro e viene taciuto o dimenticato a bella posta nel dibattito.
Il punto è che quell’ordine, anzi di quell’ordine, fanno parte sia magistrati giudicanti sia magistrati inquirenti, con quest’ultimi capaci di “contare” molto di più all’interno dell’organo che gestisce il “potere giudiziario”.
E allora denunciamola l’ipocrisia di un sistema che considera uniti l’uomo che giudica e l’uomo che accusa.
Denunciamo che il processo penale mai potrà essere equilibrato finché ci sarà quest’ordine comune
Ricordiamo che in Parlamento pende un progetto di legge presentato dai sovrani: i cittadini italiani.
Ricordiamo che i nostri rappresentanti, anziché occuparsi di un’istanza che viene da chi è sovrano (il popolo), sono in tutt’altre faccende affaccendati, magari ad inseguire inutili dibattiti televisivi e ribalte social.


Finiamola!
Finiamola con l’ipocrisia italiana del “chiagne e fotte”!
Qui non siamo in una seduta psicoanalitica collettiva; non abbiamo nessun ricordo da rimuovere.
Abbiamo il dovere di essere.
Siamo seri, almeno per una volta nella nostra storia!

Scarica il documento completo del Direttivo di Camera Penale di Trapani al link 👉 Documento del Direttivo di CpTp

lunedì 5 ottobre 2020

Foro e Giurisprudenza CpTp - sito di raccolta giurisprudenziale della Camera Penale di Trapani

La Camera Penale dì Trapani ha ora il suo sito di raccolta dei precedenti giurisprudenziali, curato dal Collega Daniele Livreri.



Per accedere al nuovo sito vi sono due possibilità:
1. dal sito della Camera penale di Trapani (Camera Penale di Trapani) si può agevolmente cliccare sul link Foro e Giurisprudenza CpTp (a destra del sito) e accedere ai contenuti della raccolta giurisprudenziale;
2. In alternativa è possibile effettuare l’accesso dal sito della raccolta all’indirizzo Foro e Giurisprudenza CpTp.

Seguire le pubblicazioni giurisprudenziali del sito di raccolta giurisprudenziale della Camera penale di Trapani è semplicissimo:
  • accedere al sito Foro e Giurisprudenza CpTp. Quindi cliccare in alto a sinistra e sulla finestra che si aprirà, alla voce “seguici con la mail”; scrivere la vostra mail; riceverete una risposta con un link. Quindi cliccate sul link e abiliterete la funzione di ricezione degli aggiornamenti pubblicati.
  • in alternativa è possibile seguire le pubblicazioni registrandosi sul canale Telegram cliccando qui 👉 Canale Telegram Foro e Giurisprudenza CpTp


Attendiamo le vostre segnalazioni di precedenti giurisprudenziali agli indirizzi mail
camerapenaletp@gmail.com oppure forogiurisprudenzacptp@gmail.com per incrementare la raccolta giurisprudenziale.

lunedì 28 settembre 2020

Rassegna stampa sulle elezioni del nuovo Direttivo di Camera Penale di Trapani per il biennio 2020-2022

Rassegna stampa sulle elezioni del nuovo Direttivo e del Collegio dei Probiviri di Camera Penale per il biennio 2020-2022


Eletto il nuovo Direttivo

Eletto il nuovo Direttivo e il Collegio dei Probiviri per il biennio 2020-2022

Eletto il nuovo Direttivo e il Collegio dei Probiviri della Camera penale di Trapani “avv. Rubino”


Si è svolta oggi l’Assemblea dei Soci della Camera Penale di Trapani, convocata per l’elezione del nuovo Direttivo e del Collegio dei Probiviri per il biennio 2020-2022.

Hanno partecipato e votato 47 soci su 50 aventi diritto.

Al termine delle operazioni di voto sono risultati eletti per il Direttivo:

Presidente: Marco SIRAGUSA

Vice-Presidente: Agatino SCARINGI 

Segretario: Sebastiano DARA 

Tesoriere: Giovanni LIOTTI 

Consigliere: Maria Laura MARCHINGIGLIO 


Per il collegio dei probiviri, sono stati eletti:

Pia FALLUCCA, presidente

Matteo TORRE, vice-presidente

Antonella CANGEMI, consigliere 


Sull’esito delle elezioni, il neo Presidente, l’avvocato Marco Siragusa, dichiara <<esprimo soddisfazione per l’ampia partecipazione al voto, segno di vitalità della nostra Camera Penale. Ringrazio i soci della Camera Penale per l’onore che hanno concesso a me e ai Colleghi del nuovo Direttivo di rappresentarli per il prossimo biennio. Camera penale di Trapani proseguirà nella sua azione politica in difesa dei diritti inviolabili dell’Uomo, dei diritti Costituzionali e del giusto ed equo processo.

Continueremo nell’impegno profuso in questi anni e particolarmente durante la presidenza dell’avvocato Salvatore Alagna, al quale va il ringraziamento mio personale e del nuovo Direttivo per il serio e autorevole lavoro svolto. 

Tra le iniziative programmatiche, istituiremo una commissione diritti umani e una commissione Europa; avvieremo inoltre il secondo corso della Scuola di tecnica e deontologia dell’avvocato penalista, dopo il successo del primo corso.

Il mondo della giustizia, una delle poche enclave di serietà rimaste nel Paese, vive un momento difficile, in balia delle propagande politiche e delle sortite del Legislatore populista. Noi rimaniamo quel che siamo: presidio dello Stato di diritto a tutela dei Cittadini>>.